Addio a Stan Lee, il papà dei supereroi

Stan Lee, la leggenda della Marvel Comics che ha co-creato alcuni dei suoi eroi più famosi come Spider-Man, Iron Man e I Fantastici Quattro è morto a Los Angeles all’età...

284

Stan Lee, la leggenda della Marvel Comics che ha co-creato alcuni dei suoi eroi più famosi come Spider-Man, Iron Man e I Fantastici Quattro è morto a Los Angeles all’età di 95 anni.

Il lascito di Lee è definito dalle sue numerose creazioni di personaggi di fumetti popolari per Marvel Comics, dove ha iniziato a lavorare nel 1939 all’età di 18 anni quando la compagnia si chiamava Timely Comics. La compagnia cambiò il nome in Marvel Comics nel 1961, quando Lee e l’artista Jack Kirby co-crearono i Fantastici Quattro.

Il nome di nascita di Lee era “Stanley Martin Lieber”, ma usò “Stan Lee” come “firma”, poi lo cambiò legalmente.

Con il successo di Marvel’s First Family arrivarono altre creazioni del duo Lee / Kirby per tutti gli anni ’60, tra cui Hulk, Thor, Iron Man e gli X-Men. Lee ha co-creato Daredevil con Bill Everett e Doctor Strange e Spider-Man con Steve Ditko. I personaggi vivevano tutti in un universo condiviso che rispecchia la nostra realtà, con la maggior parte degli eroi che risiedono nella casa di Lee a New York. Il fattore comune che si rivelò essere la chiave del successo di Lee consisteva nel dare ai supereroi difetti pertinenti anziché renderli esseri perfetti e infallibili.

Questi personaggi sono poi diventati protagonisti di film, programmi TV e videogiochi e sono stati la base per action figures, statue e ogni sorta di merchandising e sono le fondamenta della Marvel Entertainment, che ora è una società dalle molteplici sfaccettature di cui Marvel Comics è solo un aspetto del business.

Marvel Comics è attualmente l’editore leader nel settore dei fumetti in termini di vendite e fumetti venduti ed è eguagliata solo dall’editore di supereroi DC Entertainment. Mentre la Marvel alla fine è cresciuta al di là di Lee, molti attribuiscono alla sua spettacolarità una grande ragione per la crescita iniziale e il successo dell’azienda.

Lee si vantava di avere un rapporto amichevole con i fan e avrebbe risposto alle domande nelle pagine delle lettere con uno stile personale ed esuberante, firmando le sue corrispondenze con la sua frase originale, “Excelsior!”

Eppure, per quanto amato come Lee ha continuato a diventare il sorridente e affabile “Stan the Man“, la sua carriera non è stata senza polemiche.

Lee è cresciuto tra le fila della Marvel, ricoprendo ruoli come scrittore, editore, produttore esecutivo di film, redattore capo, editore e presidente. Da quando è passato dalla Marvel, è rimasto in gran parte pubblico grazie al successo dei film di Marvel, dove è elencato come produttore esecutivo e può essere visto in molti cameo ovvi eppure accattivanti. Ha anche fatto apparizioni in vari fumetti, programmi TV e videogiochi, realizzati dalla Marvel e da altri.

Lee ha usato il suo nome per fondare nuove società come Stan Lee Media e POW Entertaiment! che ha creato i propri franchise multimediali per supereroi, anche se nessuno ha mai preso piede in popolarità come il suo primo lavoro in Marvel. Nel 2011, Lee ha iniziato la sua convention comica chiamata Comikaze Expo ed è stata infine ribattezzata con LA Comic Con di Stan Lee.

Addio a Stan Lee, il papà dei supereroi ultima modifica: 2018-11-12T20:25:34+00:00 da Matteo Milo
In this article
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: